La crittografia: Nozione e basi

Da secoli la protezione sulla trasmissione dei dati viene ottenuta con il metodo della crittografia, consistente nel trasformare il messaggio originario in una forma reversibile ma inintelligibile ai più salvo che al destinatario.

[adsense:block:adcontenuto]
 
Ai primordi di applicazione di questo metodo, la sicurezza era basata sull'assunto che solo mittente e destinatario conoscessero la regola di trasformazione e quella inversa: si pensi ad esempio al famoso codice di Cesare che traslitterava le lettere alfabetiche (sostituzione) che formavano in sequenza il messaggio, spostandole di una quantità fissa rispetto all'alfabeto, o un’altra classe di trasformazioni che collocavano in posizione diversa i caratteri all’interno del messaggio (trasposizione).
Nella moderna crittografia il metodo di trasformazione è ricondotto ad un algoritmo eseguito da uno o più elaboratori, che trasforma il messaggio sfruttando le caratteristiche di precisione e rapidità degli elaboratori e la praticità del supporto elettronico.
[adsense:block:adcontenuto]
 
Un algoritmo di crittografia è generalmente costituito da una regola di trasformazione che viene fatta dipendere da un parametro detto chiave. Questo significa che l'applicazione del medesimo algoritmo di crittografia su un determinato messaggio con due chiavi distinte produce sempre risultati diversi nei due casi, ed inoltre il messaggio criptato può essere decriptato solo applicando la chiave giusta. In questo modo, la sicurezza non è più basata sulla segretezza dell'algoritmo (che anzi è bene sia mantenuto pubblico, così al suo perfezionamento, in termini di qualità ed efficienza di calcolo, possono contribuire esperti diversi sparsi per il mondo) bensì su quella della chiave: questo principio generale è stato enunciato da Kerckhoffs nel 1883 (principio di Kerckhoffs).
 
Il metodo è tanto più sicuro quanto più difficile è scoprire, disponendo al più della conoscenza dell'algoritmo utilizzato, del messaggio criptato, ed eventualmente di qualche altra informazione accessoria quale la tipologia del contenuto, la chiave necessaria per decriptarlo.
Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

Drupal Fusion theme core e Acquia Slate Theme

 Inserire la banner image nella regione preface del Drupal Theme Acquia Slate a volte può dare problemi o disorientare l'utente più inesperto. Ecco tutti i passi per configurare il tema in m0do che visualizzi l'immagine di vostro gradimento oppure aggiungere altre immagini selezionabili nello skinr.

Drupal Seo: Configurazione e personalizzazione di Page Title

Il Page Title è un modulo utilissimo per l'ottimizzazione sui motori di ricerca (SEO). Permette un controllo totale sull'impostazione dei titoli dei contenuti configurando patterns specifici per ognuno di essi insieme a numerose caratteristiche che potete leggere direttamente nella descrizione del modulo.
Drupal: 

Come guadagnare in 14 giorni con gli infoprodotti

Se tra i modelli di business che hai scelto preferisci l'email marketing per la vendita di infoprodotti, allora devi subito sapere che non si fanno tanti soldi con un solo infoprodotto: è irrilevante il prezzo a cui lo vendi e il pubblico a cui lo proponi.

Internet Marketing: 

La firma digitale

 

La crittografia a chiavi asimmetriche risolve le limitazioni che, nell’invio sicuro, presentavano i metodi con chiave simmetrica (proliferazione delle chiavi e necessità di invio sicuro della chiave segreta).
Risorse per sviluppo: 

Crittografia dal XIX secolo: La Macchina Enigma

Dalla metà del XIX secolo l'uso della crittografia assume un ruolo determinante nella trasmissione di messaggi di carattere logistico e strategico. Con l'invenzione della radio i messaggi sono trasmessi anche via etere e quindi esposti molto più di prima all'intercettazione da parte del nemico; il ricorso alla crittografia diventa inevitabile, come la necessità di cifrari sempre più sofisticati.

Risorse per sviluppo: