Codici medioevali e il disco cifrante

Nel medioevo i cifrari sono soprattutto monografici: nomi e frasi convenzionali vengono sostituiti da simboli speciali. Un altro noto cifrario basato su un macchinario fu il disco cifrante dovuto al famoso architetto L.B.Alberti: il disco era composto di due cerchi cifranti concentrici, uno esterno fisso con 24 caselle contenenti 20 lettere latine maiuscole (inclusa la Z, con U=V ed escluse H J K W Y) ed i numeri 1 2 3 4 per il testo in chiaro; ed uno interno mobile, con le 24 lettere latine minuscole per il testo cifrato.

[adsense:block:adcontenuto]

Le 20 lettere maiuscole erano messe in ordine alfabetico, mentre le 24 maiuscole erano in disordine, ciò costituendo un passo in avanti rispetto al codice di Cesare. Fissata una lettera maiuscola come indice (ad es. B), si doveva spostare il disco mobile interno e scrivere, come prima lettera del crittogramma, la lettera minuscola (nel nostro caso j) che corrispondeva alla B; quindi cifrare alcune parole con la lista risultante.

I numeri 1 2 3 4 servivano da caratteri nulli. Quando si decideva di cambiare la lista cifrante, si scriveva la nuova lettera chiave in maiuscolo, in modo da indicare chiaramente al corrispondente il cambio di lista. Ciò fatto, si portava quella lettera ad affacciare l'indice B ed in questa nuova posizione si cifravano le altre parole secondo la nuova lista. Per aumentare la segretezza (le lettere maiuscole costituivano un aiuto non solo per il corrispondente ma anche per il "nemico"), l'Alberti suggeriva di usare uno dei quattro numeri per segnalare il cambio di alfabeto.

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

Cifrario basato su macchinario e cifrario di Atbash

Il primo esempio di cifratura basata su un ‘macchinario’ si può far risalire ad una testimonianza tra il 360 e il 390 dovuta ad Enea il tattico, generale della lega arcadica, in un trattato di cifre il cui XXI capitolo tratta appunto di messaggi segreti. In questo viene descritto un disco sulla zona esterna del quale erano contenuti 24 fori, ciascuno corrispondente ad una lettera dell'alfabeto.

Risorse per sviluppo: 

Schema vincente di Bob Stone: formula in 7 passi

La lettera di vendita rappresenta uno dei passi conclusivi e decisivi di una buona campagna di marketing: si può aver fatto un ottimo lavoro precedente per portare l'utente fino al momento decisivo, quello dell'acquisto, ma se si sbaglia proprio su questo passo allora tutto il lavoro svolto sarà stato vano.

Internet Marketing: