Messaggio di errore

  • Deprecated function: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; views_display has a deprecated constructor in include_once() (linea 3469 di /home/cmswiki/public_html/includes/bootstrap.inc).
  • Deprecated function: Methods with the same name as their class will not be constructors in a future version of PHP; views_many_to_one_helper has a deprecated constructor in require_once() (linea 127 di /home/cmswiki/public_html/sites/all/modules/ctools/ctools.module).

Drupal Seo: Configurazione e personalizzazione di Page Title

Il Page Title è un modulo utilissimo per l'ottimizzazione sui motori di ricerca (SEO). Permette un controllo totale sull'impostazione dei titoli dei contenuti configurando patterns specifici per ognuno di essi insieme a numerose caratteristiche che potete leggere direttamente nella descrizione del modulo.
 
ATTENZIONE:
Il modulo è testato per lavorare solo con temi mossi dall'engine PHPTemplate. Su altri tipi non se ne garantisce l'affidbilità.
 

INSTALLAZIONE

Installare il modulo scompattandolo nella cartella sites/all/modules/ del vostro sito ed abilitarlo in Amministrazione/Costruzione del Sito/Moduli.

Se il modulo non si abilita

Quando si abilita Page Title viene creata una tabella nel database chiamata page_title. Dovremmo notare un messaggio di conferma o di fallimento della creazione della stessa. Se non viene creata la tabella allora sarà necessario entrare nel nostro database, crearla manualmente ed aggiungere la seguente definizione:
 
 
CREATE TABLE `page_title` (
      `nid` INT NOT NULL ,
      `page_title` VARCHAR( 128 ) NOT NULL ,
      PRIMARY KEY ( `nid` )
    ) /*!40100 DEFAULT CHARACTER SET utf8 */;

Installazione per versione 5 di Drupal

Solo per la versione di Drupal 5 è necessario procedere diversamente. Infatti per permettere l'interazione del modulo con il tema basato sul PHPTemplate si deve aggiungere un po di codice nel file template.php del proprio tema. Se non c'è questo file, si può usare quello incluso nel modulo stesso. Il codice da aggiungere:
 
<?php
function _phptemplate_variables($hook, $vars) {
 
$vars = array();
  if (
$hook == 'page') {

   
// These are the only important lines
   
if (module_exists('page_title')) {
     
$vars['head_title'] = page_title_page_get_title();
    }

  }
  return
$vars;
}
?>
 
 
 
Queste stringhe devono essere aggiunte all'hook 'page' della funzione _phptemplate_variables
 

CONFIGURAZIONE

Se l'installazione ha avuto il successo sperato, possiamo ora andarlo a configurare in Gestione Contenuti/Page Titles.
Il pattern di default per il titolo che troviamo è [page-title] | [site-name].
Se non lo cambiamo il titolo continuerà ad includere il nome del sito. Ma noi abbiamo installato il modulo proprio per cambiare questa situazione!
Page Title da la possibilità di configurare il titolo di default, il titolo della Home Page ed infine permette di stabilire pattern del token diversi a seconda dei tipi di contenuto. Così ad esempio, possiamo configurare il titolo della pagina del blog in modo che contenga il nome dell'autore.
C'è poi una seconda pagina di configurazione che ci permette di stabilire su quali nodi apparirà il campo per impostare il page title. Possiamo così impostarlo ad esempio in modo che alcuni nodi prenderanno il titolo dal titolo del nodo stesso ed altri invece in cui verrà impostato manualmente.
 

PERMESSI

Dopo averlo configurato, come per ogni altro modulo, sarà necessario settarne i permessi: Page title aggiunge le voci "set page title", attraverso cui si da la possibilità agli utenti di modificare il page title nella form di modifica di un nodo (se ha gia i permessi per modificarla ovviamente) e "administer page titles" che, come da nome, serve per accedere alla configurazione del modulo.
 
Autore del modulo: Nicholas Thompson -
 
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Aggiungere Google +1 per Drupal

AVVISO: QUESTA GUIDA E' STATA SCRITTA PRIMA DELL'AVVENTO DEL SOCIAL NETWORK GOOGLE+, PERTANTO ESISTONO PIU' COMPLETE SOLUZIONI DI INTERAZIONE E CONDIVISIONE SOCIALE
 
Come ormai è noto, i recenti cambiamenti di Google hanno messo in evidenza il controverso servizio Google +1, rappresentato da un pulsantino accanto ai risultati delle nostre ricerche: secondo le dichiarazioni rilasciate dal colosso, il servizio avrebbe la finalità di indicare i contenuti più interessanti per gli utenti. In tal modo, qualsiasi pagina web, prodotto o servizio potrà essere raccolto in una collezione personale di pagine utili da condividere anche con il proprio network di contatti e amici.
Blog: 

Come inserire su Google Maps un'attività commerciale o azienda

Uno dei fattori da tenere sempre in considerazione ai fini di incremento della brand authority (la vostra reputazione su internet) è quello di iscriversi su tutti i servizi che google offre per farsi conoscere. Ed allora se ho un azienda con un sito web, oltre ad un profilo google+, vado anche a capire come inserire la mia attività commericiale su Google Places e Google Maps.

Posizionamento - SEO: 

La normativa italiana sulla firma digitale

 

L’Italia è stato uno dei primi paesi a dotarsi di un complesso normativo per la regolamentazione della firma digitale, prima ancora che si sviluppasse il commercio elettronico, col fine principale di semplificare le procedure burocratiche nei rapporti con la pubblica amministrazione e nella contrattistica.
Risorse per sviluppo: