Personalizzare la visualizzazione della Tassonomia con il Views: La vista Taxonomy_terms

La visualizzazione della tassonomia può essere modificata in vari modi. Oggi vediamo cosa permette di fare il modulo view ed andremo a creare un esempio di visualizzazione della tassonomia.
 
Nel views è gia presente la vista "taxonomy_term" che serve al nostro scopo; andiamo a configurarla:
 
1) Abilitare taxonomy_term e cliccare su Modifica;
2) Selezionare il tab [[Page]] (sotto al tab Default) nella colonna di sinistra;
3) In Basic settings impostare lo stile desiderato ed abilitare Ajax;
4) In Page settings inserire come path il nome che si vuole es. miavista
5) In Arguments selezionare Taxonomy: Term ID (with depth) e cambiare solo i seguenti parametri lasciando inalterati tutti gli altri:
- Action to take if argument is not present > Provide default argument
- Default argument type > Fixed entry
- Default argument > ID del termine (il paramentro che passa l'argomento alla vista)
- Validator > Taxonomy term
- Vocabularies > selezionare il checkbox relativo al vocabolario/i dal quale si intende estrarre i campi (Fields) voluti
- Depth > -10
- Spuntare "Allow multiple terms per argument" e "Set the breadcrumb for the term parents";
6) In Field inserire Node: Title
 
Siamo ormai alla fine. Clicchiamo su "Update default Display" e salvare: la vista "taxonomy_term" è pronta all'uso!
Se necessario la si può clonare e chiamare ad es. mio_taxonomy_term in modo da mantenere inalterata quella di default.
Il risultato è una pagina con url http://www.miosito.com/miavista con (in questo caso) l'elenco dei titoli dei nodi presenti nella categoria.
Ognuno può personalizzare la vista secondo i propri gusti e le proprie esigenze anche inserendo la view in un [[Panel]].
 
.
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Tutorial Drupal Views: Conoscere e creare una vista con Drupal

Drupal Views (Guida da completare)
 Il modulo Views permette ai webmaster di drupal di creare, gestire e visualizzare elenchi di contenuti e quindi un modo di presentare i contenuti e le tabelle. Essenzialmente esso è un generatore di query che, date alcune informazioni, può creare query, eseguirle e portare a visuale i dati in pagine, blocchi o altri formati. Ogni singola vista inoltre può avere multiple visualizzazioni
Drupal: 

Drupal - Guida FCKeditor italiano: Installazione e Configurazione

[toc]

Come installare fckeditor e ckeditor italiano in drupal: 

Scaricare il modulo drupal da www.drupal.org/project/fckeditor e lo script da www.fckeditor.net/download
Scompattare il modulo drupal in sites/all/modules e in modules/fckeditor/fckeditor copiare il contenuto della cartella fckeditor dello script.
A questo punto attivare il modulo e assegnare i permessi di usare fckeditor ai ruoli utent

Come creare velocemente un business online

Molte persone mi chiedono quali sono le fasi necessarie per creare velocemente un business online. La risposta è sorprendentemente semplice. O meglio: semplice si ma il "velocemente" potrebbe non esser per tutti. Qualsiasi attività o lavoro online difficilmente riesce a portare le soddisfazioni volute in poco tempo. Ma questa appunto è una variabile che dipende per lo più dal tuo grado di conoscenze e passioni iniziali.

Internet Marketing: 

La moderna crittografia a chiave asimmetrica

Più di recente è stato proposto un approccio alternativo che risolve brillantemente i limiti della crittografia a chiave segreta. Esso si basa sull’uso non di una singola chiave, bensì di coppie di chiavi: ciascuna coppia è costituita da una chiave pubblica (Kp), normalmente utilizzata per cifrare, e da una chiave privata o segreta (Ks) normalmente utilizzata per decifrare. 

Risorse per sviluppo: 

Codici medioevali e il disco cifrante

Nel medioevo i cifrari sono soprattutto monografici: nomi e frasi convenzionali vengono sostituiti da simboli speciali. Un altro noto cifrario basato su un macchinario fu il disco cifrante dovuto al famoso architetto L.B.Alberti: il disco era composto di due cerchi cifranti concentrici, uno esterno fisso con 24 caselle contenenti 20 lettere latine maiuscole (inclusa la Z, con U=V ed escluse H J K W Y) ed i numeri 1 2 3 4 per il testo in chiaro; ed uno interno mobile, con le 24 lettere latine minuscole per il testo cifrato.

Risorse per sviluppo: