Drupal-Patch AuthorContact: Aggiungere campi al modulo di contatto dell'autore

AllegatoDimensione
File authorcontact.rar3.42 KB

L'Author Contact è un utilissimo modulo per Drupal che predispone un blocco con una form di contatto all'autore del nodo. Ecco rilasciata la patch per estendere i campi disponibili e renderlo un po simile a webform

Drupal Author Contact: Spiegazione e campo di utilizzo del modulo

L'Author Contact è un utilissimo modulo per Drupal che predispone un blocco con una form di contatto all'autore del nodo.
A differenza del modulo Webform, qui la sottomissione della form con conseguente invio di email non è indirizzata all'amministratore del sito o agli utenti in esso prestabiliti, bensì direttamente al creatore del nodo specifico in cui è inserita la form.
Tale possibilità, che rende tale modulo uno tra i più apprezzati dagli usufruitori di Drupal, consente possibilità uniche considerando che il blocco può essere inserito su specifici Tipi di contenuto: con l'Author Contact predisporre form di richieste di informazioni e preventivi in pieno stile social network (si pensi alla richiesta di info su portali ben più noti come edilportale o alibaba) non sarà più un problema.
 

Problemi

Tuttavia tale modulo ha un limite, almeno per gli utenti più inesperti che non hanno possibilità o capacità sufficienti per personalizzarsi il modulo, che consiste in appena tre campi disponibili (nome, email e body) precludendo pertanto la strada di raccogliere informazioni più dettagliate come al contrario è possibile fare facilmente con il Web Form.
 
Una delle necessità maggiormente sentite dagli stimatori di questo modulo è proprio quella di estendere la form con checkbox e campi aggiuntivi. A tal fine è stata predisposta anche una patch per risolvere il problema prontamente rilasciata su drupal.org il che tuttavia risulta una modifica solo parzialmente riuscita in quanto se da un lato risolve il problema citato aggiungendo campi e checkbox, tra obbligatori e non, dall'altro va a danneggiare l'utilissmo campo BCC, ossia la possibilità di ricevere copia nascosta delle mail inviate con la sottoscrizione della form e che trova la sua ragion d'essere in fini statistici. Tener traccia di quanto accade è esigenza primaria per ogni amministratore di siti.
 
Ed ecco che qui soccorre cmswiki.net che ha preso la patch in questione e l'ha sistemata a dovere affinchè non si perda nessuna delle possibilità.
La patch la troverete in allegato all'articolo (è necessaria una registrazione veloce al portale) e potrà essere scaricata liberamente.
 

Procedura per applicare la patch

Scaricate il file .module in allegato e sostituitelo al file authorcontact.module che troverete all'interno della directory del modulo (scaricate la versione dev!).
 
Fatto questo installate il modulo secondo l'ordinaria procedura ed entrate nella sezione blocchi per andare a configurare l'Author Contact.
 
I campi aggiuntivi sono 6 (3 obbligatori e 3 opzionali) e ci sono anche 2 checkbox (1 obbligatorio ed uno opzionale) che potete sfruttare ad es per far accettare condizioni di contratto e quant'altro.
Se i campi aggiuntivi poi sono troppi e non vi servono allora sarà sufficiente inserire <none> al posto dell'etichetta del campo che non utilizzerete. 
 
Ma se volessimo aggiungerli? In tal caso l'unica cosa da fare è aprire il file .module che scaricate da qui e il file .module originale che troverete nella cartella del modulo e confrontare pazientemente le due versioni. Noterete senza troppi problemi come nella patch vengono implementati i campi aggiuntivi e potrete avvalervi di quelli gia fatti per crearne di nuovi!
 
Spero che questa segnalazione sia stata utile considerando le forti pressioni che il realizzatore del modulo riceve in vista di un espansione del suo modulo o addirittura di un'integrazione con il Webform.
 
Ovviamente, in caso di dubbi o difficoltà, lasciate un commento e cercheremo di arrivare alla risoluzione del problema insieme!
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Il Cifrario di Vernam e l’importanza della chiave

Come brevemente accennato sopra, un cifrario si basa su due presupposti: un algoritmo che definisce le regole per l’operazione di cifratura e per quella di decifratura, e una chiave che rende il risultato dell’applicazione dell’algoritmo parametricamente dipendente dalla chiave stessa. Ad esempio, nel codice di Cesare l’algoritmo è la regola di trasposizione letterale e la chiave è il fattore di trasposizione (1..25).

Risorse per sviluppo: 

SET (Secure Electronic Transaction) e forme di pagamento

Formalizzato nel 1997, il protocollo SET è dovuto alla collaborazione di varie aziende del settore (Microsoft, IBM, Netscape, RSA, GTE, VISA, Mastercard, e altre) con l’obiettivo di rendere sicuri al massimo i pagamenti in rete con carte di credito.

Risorse per sviluppo: