Drupal Image Caption: Come inserire descrizioni o didascalie nelle immagini

 

Drupal e il suo modulo Image Caption per generare le didascalie delle immagini

Con Drupal e i suoi migliaia di moduli aggiuntivi si può fare davvero di tutto... inserire descrizioni, testi e didascalie nelle immagini è solo un altro esempio della sua estendibilità.
 

Drupal Image Caption: Descrizione

Il modulo Image Caption permette di inserire o generare automaticamente delle didascalie, dei testi o delle descrizioni per le immagini inserite nei contenuti del sito. Il suo funzionamento si basa su uno script in jQuery che legge il contenuto dell'attributo title del tag <img> e genera dinamicamente il codice HTML per rendere visible il testo sotto l'immagine.

Procedura per l'installazione e la configurazione dell'Image Caption

Dopo aver copiato la cartella dell'image caption in sites/all/modules, è necessario aggiungere la classe vuota .caption { } all'interno del foglio di stile dell'editor che state utilizzando (se non si utilizza un editor, allora sarà sufficiente inserirla all'interno dello style.css del vostro tema).

Fatto ciò, abilitiamo il modulo ed entriamo in Amministra >>Configurazione del sito >> Image Caption Settings dove impostiamo i tipi di contenuto per i quali si vogliono attivare le didascalie.

E' il momento di richiamare la classe creata: oltre naturalmente a dare un valore all'attributo title, si dovrà attribuire all'immagine la classe caption. Il codice HTML dovrà apparire così

<img src="..." title="didascalia" class="caption" />

Qualora usiate la funzione di inserimento immagine di un qualsiasi  editor WYSIWYG, sono disponibili appositi campi sia per il titolo che per la classe dell'immagine da inserire. Ad esempio in FCKEditor bisogna selezionare il tab Avanzate.

L'Image Caption per Drupal 6 include anche un filtro di input image_caption_filter. Una volta assegnato il filtro al formato di input che utilizziamo normalmente per i contenuti, sarà creata una didascalia per tutte le immagini con attributo title e classe image-leftimage-right o standalone-image.

Per qualsiasi chiarimento o dubbio non esitare a commentare!

 

Ti potrebbero anche interessare:

Creare un sito multilingua in Drupal

[toc]

Descrizione

In questa guida viene spiegato come realizzare un [[sito]] sviluppato in Drupal che abbia come target principale utenti che parlano l'italiano, con contenuti tradotti anche in inglese ed in spagnolo.
L'articolo presuppone che abbiate già installato Drupal 6.x, localizzato in lingua italiana.
Il procedimento che seguiremo è il seguente:
  • Installiamo le traduzioni di Drupal
Drupal: 

Formati di input in Drupal: Configurazione

I formati di input in Drupal definiscono un modo di processare il testo generato dall'utente.
Ogni filtro è progettato per compiere un compito preciso, e generalmente rimuove o aggiunge elementi al testo prima che esso venga visualizzato.
Drupal di base offre due formati di input "Filtered Html" e "Full Html" e
Drupal: 

Imparare a guadagnare con Google Adsense: Strumenti e Risorse iniziali

Imparare a guadagnare con Google Adsense è probabilmente il modo più semplice per fare soldi online. Ci sono tantissimi modi per guadagnare su internet ma il modo forse più automatico possibile è proprio il servizio offerto da Google e che prende il nome di Adsense.

In questo articolo vi mostrerò tutto quello che serve per fare soldi con Google Adsense e, soprattutto, i consigli e i metodi usati personalmente per iniziare a guadagnare velocemente con la pubblicazione degli annunci.

Internet Marketing: 

L’algoritmo DES (Data Encryption Standard) e altri algoritmi a chiave simmetrica

Si tratta di un algoritmo a chiave simmetrica proposto da IBM nel 1975 e accettato come standard nel 1977 e da allora, e fino a tempi recenti, è stato utilizzato dagli enti governativi americani (e da altri) per cifrare dati sensibili.

Risorse per sviluppo: 

Codice Poligrafico: La Scacchiera di Polibio

Il più antico codice poligrafico (sostituzione di tipo multiplo) è probabilmente la scacchiera di Polibio. Lo storico greco Polibio (~200-118AC), nelle sue Storie (Libro X) descrive un cifrario che attribuisce ai suoi contemporanei Cleoxeno e Democleito: l'idea è quella di cifrare una lettera con una coppia di numeri compresi tra 1 e 5, secondo la descrizione di una scacchiera 5x5.

Risorse per sviluppo: