Creare un menu (Taxonomy Term e Nice Menu) per il catalogo di Ubercart

Creiamo in maniera veloce un menu personalizzato per la visualizzazione del catalogo di Ubercart intrecciandolo con i moduli Taxonomy Menu e Nice Menu.

I limiti del Catalogo dell'Ubercart

Il modulo catalog presente nel pacchetto base dell'ubercart è utilissimo soprattuto per chi preferisce avere una tassonomia con la visualizzazione delle sotto categorie (oltre dei prodotti) in maniera semplice e veloce.
Tuttavia tale modulo si porta con se numerosi limiti: in questa sede analizzeremo e supereremo il limite del menu che viene generato automaticamente dal modulo Catalog.
 

Menu "Catalogo" personalizzato: Usiamo taxonomy menu e nice menu

Il menu che viene generato dall'ubercart per la visualizzazione del catalogo è in realtà un non-menu e pertanto non può ad esempio essere abbinato a moduli come mega-menu o nice-menu et similari. 
Il problema è risolvibile seguendo questa procedura (Moduli Usati - Ubercart, Taxonomy Menu, Nice Menu):
  1. Installiamo Catalog (compreso in Ubercart), Taxonomy Menu con il sotto modulo gia compreso " Taxonomy Menu Custom Path" e il Nice Menu (o altro modulo che permette di scorrere i menu in stile superfish).
  2. Assegniamo il vocabolario che vogliamo utilizzare al catalogo spuntando la relativa opzione nelle impostazioni catalogo;
  3. Creiamo un menu vuoto che ospiterà i termini della tassonomia;
  4. In "Tassonomia" andiamo a configurare il vocabolaro che farà da catalogo e alla voce "Menu path type" passiamo su "custom path" mentre nel campo sottostante - "Base path for custom path" - scriviamo il path "catalog".
  5. Non ci resta che selezionare anche l'opzione "Display descendants" e andare a configurare il modulo scelto per la visualizzazione del menu (in questo caso in nice menu attribuisco il menu creato al punto 3 - che nel frattempo è stato riempito dal taxonomy term - con lo stile del nice menu).
  6. Nella sezione Blocchi troviamo il nostro menu cataloghizzato che inseriremo in una regione del tema.
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Nuovo Algoritmo di Google che vede oggetti nei video e nelle immagini

Google si fa gli occhi.

Si chiama Automatic Large Scale Video Object Recognition (Riconoscimento automatico su larga scala di oggetti video) il nuovissimo algoritmo gia brevettato da Google che avrebbe l'incredibile capacità di poter leggere direttamente nei video e nelle immagini.

Blog: 

Creare un sito multilingua in Drupal

[toc]

Descrizione

In questa guida viene spiegato come realizzare un [[sito]] sviluppato in Drupal che abbia come target principale utenti che parlano l'italiano, con contenuti tradotti anche in inglese ed in spagnolo.
L'articolo presuppone che abbiate già installato Drupal 6.x, localizzato in lingua italiana.
Il procedimento che seguiremo è il seguente:
  • Installiamo le traduzioni di Drupal
Drupal: 

Drupal - Guida FCKeditor italiano: Installazione e Configurazione

[toc]

Come installare fckeditor e ckeditor italiano in drupal: 

Scaricare il modulo drupal da www.drupal.org/project/fckeditor e lo script da www.fckeditor.net/download
Scompattare il modulo drupal in sites/all/modules e in modules/fckeditor/fckeditor copiare il contenuto della cartella fckeditor dello script.
A questo punto attivare il modulo e assegnare i permessi di usare fckeditor ai ruoli utent

Internet Marketing per principianti: Come muovere i primi passi

Una delle domande più comuni di chi si avvicina per la prima volta all’Internet Marketing è quella di capire come creare passo passo il proprio business online: ci si avvicina incuriositi ma la quantità di informazioni disponibili rischia di generare confusione e sfiducia per chi non ha ancora un sito web, per chi non sa nemmeno cosa sia un dominio o un hosting, per chi non sa nemmeno da dove cominciare per crearsi un articolo, una mailing list, una lettera di vendita e così via.

Internet Marketing: 

Codice a sostituzione: Il codice di Cesare

Il famoso codice di Cesare è un classico esempio di codice a sostituzione mediante trasposizione di lettera: ciascuna lettera viene sostituita con quella ottenuta spostandola di un certo numero di posti (circolarmente) nella sequenza alfabetica. In origine il fattore di trasposizione era 3, ma una forma generalizzata può prevedere un fattore compreso tra 1 e 25 (per il moderno alfabeto di 26 lettere).

Risorse per sviluppo: