La differenza tra il pulsante Condivisione, Share, e il +1 su Google+

differenza condivisione e +1 su google+Google  ha rilasciato solo in un secondo momento il pulsante “Share” per dare una demarcazione netta tra la Condivisione dei post su Google+ e il suo “Mi Piace” sotto forma di pulsante +1. In origine infatti la condivisione era inglobata nel +1: l’utente che apprezzava il contenuto poteva esprimere la sua preferenza tramite questo pulsante e poi anche condividerlo. Cerchiamo quindi di capire la reale differenza tra il pulsante di Condivisione e quello +1 in quanto, all’occhio di molti, visto come un inutile doppione.

Il colosso di Mountan VIew a dire il vero ha operato questa scelta in maniera non di certo casuale. Il pulsante +1 sta ad indicare una preferenza, un vero e proprio apprezzamento da parte dell’utente. La condivisione invece non sta ad indicare questa preferenza.

[adsense:block:adcontenuto]

Facciamo subito un esempio:

un articolo che discute di un argomento che non condividiamo affatto, un post ad esempio che divulga un pensiero politico diverso dal nostro punto di vista o che elogia un personaggio che riteniamo poco meritevole di quest’attenzione.

Sarebbe sciocco dargli una preferenza perché in realtà a noi non piace affatto.

Tuttavia potremmo volerlo condividere per portarlo all’attenzione dei nostri amici e per cominciare a discuterne o farne critiche. Questo è il vero senso della differenziazione.

L’utente può infatti scegliere di condividere un post ma senza per questo esprimere una sua preferenza a riguardo; oppure può dire “Si, questo contenuto mi piace, lo ritengo utile” e poi eventualmente farlo conoscere anche ai suoi amici su google+ attraverso la condivisione successiva.

Altro effetto del +1 che assume importanza in ottica di differenziazione rispetto allo “Share” è che, con la funzione “Search, plus Your World” attiva, esso va a mutare ed influenzare la serp di un utente a differenza della condivisione che lascia le cose come sono.

Senza il pulsante di Share, l’unica strada percorribile per condividere senza apprezzare era quella di incollare l’url direttamente in google+.  Ma l’utente, per pigrizia o mancanza di tempo, spesso tralasciava questa ipotesi e pertanto non condivideva affatto il post oppure lo apprezzava giusto per poi condividerlo.

Con il  pulsante di Condivisione distinto dal +1, tutto questo non può più accadere ed ora ogni utente è libero di condividere senza per questo dare un voto di preferenza.

[adsense:block:adcontenuto]

 

Social Media Business: 

Ti potrebbero anche interessare:

Il Cifrario di Vernam e l’importanza della chiave

Come brevemente accennato sopra, un cifrario si basa su due presupposti: un algoritmo che definisce le regole per l’operazione di cifratura e per quella di decifratura, e una chiave che rende il risultato dell’applicazione dell’algoritmo parametricamente dipendente dalla chiave stessa. Ad esempio, nel codice di Cesare l’algoritmo è la regola di trasposizione letterale e la chiave è il fattore di trasposizione (1..25).

Risorse per sviluppo: 

SET (Secure Electronic Transaction) e forme di pagamento

Formalizzato nel 1997, il protocollo SET è dovuto alla collaborazione di varie aziende del settore (Microsoft, IBM, Netscape, RSA, GTE, VISA, Mastercard, e altre) con l’obiettivo di rendere sicuri al massimo i pagamenti in rete con carte di credito.

Risorse per sviluppo: 

Direct Marketing ed Email Marketing: Differenza e confronto

I pionieri del direct marketing (DM) Bob Stone, Martin Baier e Henry J. Hoke Jr parlavano della disciplina del direct marketing come un sistema interattivo di marketing che usa uno o più mezzi pubblicitari per scaturire una risposta misurabile e quantificabile e una transazione in qualsiasi luogo, con in più la possibilità non indifferente che tutta questa attività sia conservata in un apposito archivio (database).

Internet Marketing: