La differenza tra il pulsante Condivisione, Share, e il +1 su Google+

differenza condivisione e +1 su google+Google  ha rilasciato solo in un secondo momento il pulsante “Share” per dare una demarcazione netta tra la Condivisione dei post su Google+ e il suo “Mi Piace” sotto forma di pulsante +1. In origine infatti la condivisione era inglobata nel +1: l’utente che apprezzava il contenuto poteva esprimere la sua preferenza tramite questo pulsante e poi anche condividerlo. Cerchiamo quindi di capire la reale differenza tra il pulsante di Condivisione e quello +1 in quanto, all’occhio di molti, visto come un inutile doppione.

Il colosso di Mountan VIew a dire il vero ha operato questa scelta in maniera non di certo casuale. Il pulsante +1 sta ad indicare una preferenza, un vero e proprio apprezzamento da parte dell’utente. La condivisione invece non sta ad indicare questa preferenza.

[adsense:block:adcontenuto]

Facciamo subito un esempio:

un articolo che discute di un argomento che non condividiamo affatto, un post ad esempio che divulga un pensiero politico diverso dal nostro punto di vista o che elogia un personaggio che riteniamo poco meritevole di quest’attenzione.

Sarebbe sciocco dargli una preferenza perché in realtà a noi non piace affatto.

Tuttavia potremmo volerlo condividere per portarlo all’attenzione dei nostri amici e per cominciare a discuterne o farne critiche. Questo è il vero senso della differenziazione.

L’utente può infatti scegliere di condividere un post ma senza per questo esprimere una sua preferenza a riguardo; oppure può dire “Si, questo contenuto mi piace, lo ritengo utile” e poi eventualmente farlo conoscere anche ai suoi amici su google+ attraverso la condivisione successiva.

Altro effetto del +1 che assume importanza in ottica di differenziazione rispetto allo “Share” è che, con la funzione “Search, plus Your World” attiva, esso va a mutare ed influenzare la serp di un utente a differenza della condivisione che lascia le cose come sono.

Senza il pulsante di Share, l’unica strada percorribile per condividere senza apprezzare era quella di incollare l’url direttamente in google+.  Ma l’utente, per pigrizia o mancanza di tempo, spesso tralasciava questa ipotesi e pertanto non condivideva affatto il post oppure lo apprezzava giusto per poi condividerlo.

Con il  pulsante di Condivisione distinto dal +1, tutto questo non può più accadere ed ora ogni utente è libero di condividere senza per questo dare un voto di preferenza.

[adsense:block:adcontenuto]

 

Social Media Business: 

Ti potrebbero anche interessare:

Tutorial Drupal Views: Conoscere e creare una vista con Drupal

Drupal Views (Guida da completare)
 Il modulo Views permette ai webmaster di drupal di creare, gestire e visualizzare elenchi di contenuti e quindi un modo di presentare i contenuti e le tabelle. Essenzialmente esso è un generatore di query che, date alcune informazioni, può creare query, eseguirle e portare a visuale i dati in pagine, blocchi o altri formati. Ogni singola vista inoltre può avere multiple visualizzazioni
Drupal: 

Drupal - Guida FCKeditor italiano: Installazione e Configurazione

[toc]

Come installare fckeditor e ckeditor italiano in drupal: 

Scaricare il modulo drupal da www.drupal.org/project/fckeditor e lo script da www.fckeditor.net/download
Scompattare il modulo drupal in sites/all/modules e in modules/fckeditor/fckeditor copiare il contenuto della cartella fckeditor dello script.
A questo punto attivare il modulo e assegnare i permessi di usare fckeditor ai ruoli utent

Internet Marketing per principianti: Come muovere i primi passi

Una delle domande più comuni di chi si avvicina per la prima volta all’Internet Marketing è quella di capire come creare passo passo il proprio business online: ci si avvicina incuriositi ma la quantità di informazioni disponibili rischia di generare confusione e sfiducia per chi non ha ancora un sito web, per chi non sa nemmeno cosa sia un dominio o un hosting, per chi non sa nemmeno da dove cominciare per crearsi un articolo, una mailing list, una lettera di vendita e così via.

Internet Marketing: 

La moderna crittografia a chiave asimmetrica

Più di recente è stato proposto un approccio alternativo che risolve brillantemente i limiti della crittografia a chiave segreta. Esso si basa sull’uso non di una singola chiave, bensì di coppie di chiavi: ciascuna coppia è costituita da una chiave pubblica (Kp), normalmente utilizzata per cifrare, e da una chiave privata o segreta (Ks) normalmente utilizzata per decifrare. 

Risorse per sviluppo: 

Codici medioevali e il disco cifrante

Nel medioevo i cifrari sono soprattutto monografici: nomi e frasi convenzionali vengono sostituiti da simboli speciali. Un altro noto cifrario basato su un macchinario fu il disco cifrante dovuto al famoso architetto L.B.Alberti: il disco era composto di due cerchi cifranti concentrici, uno esterno fisso con 24 caselle contenenti 20 lettere latine maiuscole (inclusa la Z, con U=V ed escluse H J K W Y) ed i numeri 1 2 3 4 per il testo in chiaro; ed uno interno mobile, con le 24 lettere latine minuscole per il testo cifrato.

Risorse per sviluppo: