Storia della crittografia: Primo cifrario e cifrario di trasposizione

Il Primo Cifrario

La più antica forma conosciuta di crittografia è la scitala lacedemonica, data da Plutarco come in uso dai tempi di Licurgo (IX sec a.C.) ma più sicuramente usata ai tempi di Lisandro (verso il 400 a.C.). Consisteva in un bastone su cui si avvolgeva ad elica un nastro di cuoio; sul nastro si scriveva per colonne parallele all'asse del bastone, lettera per lettera, il testo da rendere segreto.
 
[adsense:block:adcontenuto]
 
Tolto il nastro dal bastone, il testo vi risultava trasposto in modo regolare ma sufficiente per evitare la lettura senza un secondo bastone uguale al primo. Si tratta di una forma elementare di crittografia a trasposizione.

Cifrario di Trasposizione

 

Come ulteriore esempio di cifrario basato sulla trasposizione dei caratteri di un testo si consideri il seguente.
Si sceglie una parola chiave di n caratteri (possibilmente senza doppie); si divide il testo in chiaro in gruppi di n caratteri, riempiendo eventualmente di x l’ultimo gruppo se incompleto, e si scrive il messaggio mettendo un gruppo per riga e incolonnando il tutto su n colonne.
 
[adsense:block:adcontenuto]
 
Si riordinano le colonne con gli stessi spostamenti che sarebbero necessari per ordinare alfabeticamente le lettere della parola chiave e si ottiene il messaggio cifrato leggendo le colonne così riordinate.
 
Esempio: vieni subito
 
Parola chiave: rame
 
r a m e
v i e n
i s u b
i t o x
 
Riordinamento:
 
a e m r
i n e v
s b u i
t x o i
 
Messaggio cifrato:
 
aistenbxmeuorvii
 

 

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

Le Autorità di Certificazione per ottenere la chiave pubblica

Se un mittente X non può ottenere direttamente da Y la chiave pubblica di quest’ultimo Kyp, deve cercare di ottenerla da un terzo fidato W che faccia da garante. Questo dipende dalla fondamentale differenza che distingue la firma autografa da quella di tipo elettronico: la prima è direttamente riconducibile all’identità di chi l’ha prodotta, mentre la seconda non possiede questa proprietà (anche se ne ha, come abbiamo visto, altre).

Risorse per sviluppo: