Confronto - Drupal vs Joomla vs Wordpress: quale scegliere?

Il confronto tra i più diffusi cms del momento: Drupal - Joomla - Wordpress

Scegliere il cms più adatto per le proprie esigenze è spesso impresa ardua considerando l'altissimo numero di piattaforme di COntente Management System disponibili. Pertanto il confronto va affrontato dal punto di vista del migliore in assoluto: il cms Drupal. Pertanto Drupal contro tutti! Almeno in parte perchè di rivali veri e propri, se cosi si vuol dire, Drupal avrebbe solo Joomla e Wordpress, visto che tutti gli altri cms sono meno usati e spesso più limitanti per lo scarso numero di plugni, temi e documentazioni d'uso.

Drupal vs Wordpress

Wordpress è di estremo facile utilizzo, viene utilizzato da oltre 30.000 nuove persone al giorno, è facile inserire i plugin e raramente hanno molte e complesse configurazioni. Il perno principale pertanto si focalizza sull'immediatezza e la semplicità d'uso in contrapposizione alla complessità generale di Drupal. L'uso specifico di Wordpress è comunque la costruzione di blog. Per lo sviluppo di siti web più complessi è meglio guardare altrove.
Drupal, dal canto suo, offre una vastissima gamma di possibilità fornite agli utenti per lo sviluppo di qualunque genere di sito, portale o social network. Si può definire come un cms ultra raffinato e che teme pochi paragoni. Qualsiasi cosa vogliate creare Drupal la può fare anche grazie ad una vastissima comunità che rilascia ogni giorno moduli aggiuntivi che ne ampliano le funzionalità. Tutto questo però ha un prezzo che si traduce nell'essere ostile per gli utenti alle prime armi o dotati di poca pazienza. Drupal richiede studio, pazienza e passione: è un bicchiere di vino pregiato che va assaporato lentamente e quando si arriva alla fine vi avrà regalato soddisfazioni impareggiabili...
Drupal ha moduli solo free, mentre wordpress anche a pagamento
 

Drupal vs Joomla

Joomla ha molte grafiche pronte e carine a pagamento ed anche molte gratis.
Anche qui Drupal vince di molto per la gestione social degli utenti, nel senso che è particolarmente configurabile l'area utente e cosa gli utenti possono fare oltre che avere moduli solo gratuiti. Anche joomla è rimasto super indieto rispetto a Drupal per l'ACL che è in costruzione in questi giorni e come wordpress non ha un modulo come Views, che aumenta di molto la potenza del sito web.
Le pagine di Drupal si aprono in genere piu velocemente di Joomla su un sito base senza moduli aggiunti. Joomla ha moltissimi moduli e temi a pagamento, drupal è completamente free!!! 
 
 

Conclusione

Volendo tirare le somme, se dovete fare solo un semplice blog e non avete particolari esigenze o poche esperienze di cms e non avete nessuna intenzione di approfondire l'argomento, usate wordpress. E' fantastico e consente la creazione di un piccolo sito anche se è la prima volta che ci si avvicina alle applicazioni web. Joomla lo si consiglia per utenti più esperti e spesso disposti a cacciare qualche quattrino per accaparrarsi i moduli più importanti, ma in sostanza, sulla bilancia non ne vale la pena usarlo se non per la grafica. Se puntate tutto sull'estetica forse joomla è la soluzione più adatta anke considerando che si possono creare quasi tutti i genere di portali web.
Tuttavia, se prevedete un giorno di collegare una community di utenti interattiva al vostro sito web, stile facebook o gruppo di aziende ecc. allora vi consiglio largamente Drupal, che per il social è il top. Speriamo con questo portale di avvicinare i neofiti a Drupal guidandolo con semplici tutorial per cominciare ad entrare nel suo fantastico mondo.

 

Blog: 

Ti potrebbero anche interessare:

L’algoritmo DES (Data Encryption Standard) e altri algoritmi a chiave simmetrica

Si tratta di un algoritmo a chiave simmetrica proposto da IBM nel 1975 e accettato come standard nel 1977 e da allora, e fino a tempi recenti, è stato utilizzato dagli enti governativi americani (e da altri) per cifrare dati sensibili.

Risorse per sviluppo: 

Codice Poligrafico: La Scacchiera di Polibio

Il più antico codice poligrafico (sostituzione di tipo multiplo) è probabilmente la scacchiera di Polibio. Lo storico greco Polibio (~200-118AC), nelle sue Storie (Libro X) descrive un cifrario che attribuisce ai suoi contemporanei Cleoxeno e Democleito: l'idea è quella di cifrare una lettera con una coppia di numeri compresi tra 1 e 5, secondo la descrizione di una scacchiera 5x5.

Risorse per sviluppo: 

Schema vincente di Bob Stone: formula in 7 passi

La lettera di vendita rappresenta uno dei passi conclusivi e decisivi di una buona campagna di marketing: si può aver fatto un ottimo lavoro precedente per portare l'utente fino al momento decisivo, quello dell'acquisto, ma se si sbaglia proprio su questo passo allora tutto il lavoro svolto sarà stato vano.

Internet Marketing: